Istituto Parri

Archivio - Contatti e informazioni

News

Oggi in Spagna, domani in Valsamoggia - mostra a Bazzano

Segnaliamo volentieri la mostra sugli antifascisti di Valsamoggia a cui abbiamo collaborato con alcune fotografie del nostro archivio. Per dettagli e informazioni clicca qui

 

Francesco "Checco" Berti, presidente partigiano

18 aprile 2019, ore 16.30, via Sant'Isaia 20, Sala Ex Refettorio (piano terra, ingresso Museo della Resistenza di Bologna)

Francesco "Checco" Berti, presidente partigiano. Dalla Resistenza all'impegno civile

Giovane partigiano di Giustizia e libertà, dirigente degli Istituti della Resistenza, scrittore di talento, fotografo e cineamatore: l'impegno civile di Francesco Berti Arnoaldi Veli ha avuto numerose espressioni. Grazie a filmati inediti e alle testimonianze di chi l'ha conosciuto, ripercorriamo il cammino di un uomo che ha lasciato un'impronta profonda nel tessuto culturale e nella memoria storica di Bologna.
 
Proiezione di filmati inediti girati da Francesco Berti Arnoaldi Veli, a cura di Home Movies (guarda un'anteprima: Ferruccio Parri commemora la strage di Monte Sole a Marzabotto, 4 ottobre 1959)
 
Incontro con:
Ugo Berti Arnoaldi Veli
Brunella Dalla Casa
Alberto Preti
Performance di letture, musica e arte a cura del Liceo Artistico Arcangeli e del Liceo Galvani
 
Intervengono:
Matteo Lepore (Assessore cultura - Comune di Bologna)
Massimo Mezzetti (Assessore alla cultura - Regione Emilia-Romagna)
Giacomo Manzoli (Presidente Istituto Storico Parri)
Coordinano:
Luisa Cigognetti e Agnese Portincasa (Istituto Storico Parri)
 
 
L'incontro è valido per la formazione docenti, verrà rilasciato l'attestato di partecipazione agli insegnanti presenti.
 
 
Info:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Comunità in guerra sull'Appennino. La linea gotica tra storia e politiche della memoria

 

a cura di Mirco Carrattieri e Alberto Preti, Viella 2018


I saggi raccolti in questo volume fanno il punto sugli studi dedicati alla Linea Gotica, valorizzano percorsi di ricerca già avviati e ne indicano altri, a partire dalla relativa marginalità della Gotica nel contesto della guerra in Europa, ma anche dalla sua unicità in termini di durata.

In questa prospettiva, i saggi mettono a fuoco il tema della guerra combattuta e delle esperienze di guerra; l’azione del movimento di Resistenza, fra guerriglia e controguerriglia, fra affermazione e limiti del contropotere partigiano in territorio occupato e difficili rapporti con gli Alleati; le politiche di gestione dei territori da parte delle truppe occupanti, con particolare attenzione ai rastrellamenti, all’evacuazione coatta, alle violenze sulla popolazione civile; e le difficili pratiche di sopravvivenza da parte dei civili in quel sistema di potere vanificato o stravolto.
I saggi conclusivi danno conto della grande varietà di iniziative e di strumenti posti in essere per valorizzare le “tracce” della Gotica, che hanno stimolato, in quei luoghi, un nuovo turismo della memoria.

Presentazione del libro "La Resistenza, il fascismo, la memoria. Bologna 1943-1945"

Martedì 9 aprile, ore 20.30, presso la Casa del volontariato, via Berlinguer 19 a Castel Maggiore

Presentazione del libro La Resistenza, il fascismo, la memoria. Bologna 1943-1945 (Bononia University Press)

Interventi di: Alberto Preti (curatore), Elda Guerra, Roberta Mira, Luca Pastore (autori) e Sergio Secondino (Comune di Castel Maggiore) 

 

 

La Resistenza e gli eventi del 1943-1945 hanno segnato profondamente l’identità di Bologna. Attraverso nuovi contributi di ricerca, nelle pagine di questo libro scorrono venti mesi di guerra partigiana contro l’esercito di occupazione tedesco e il fascismo collaborazionista. Gli autori fanno luce su aspetti poco noti e pagine controverse della Resistenza in città e nel territorio circostante, seguendo le traiettorie degli uomini e delle donne che scelsero di prendere parte alla lotta. Vengono inoltre ricostruite le strategie repressive nazifasciste e le sorti dei bolognesi deportati nei lager. Infine si seguono le tracce di memoria ancora presenti nella cultura e nel tessuto urbano. Una sfida impegnativa in un momento in cui la Resistenza è spesso citata, ma poco conosciuta.

Mostra - Libri fascisti per la scuola. Il testo unico di Stato (1929-1943)

Lunedì 21 gennaio 2019, presso la Scuola Secondaria di Primo Grado "Alessandro Volta" di Bologna, verrà inaugurata, in collaborazione con l’Istituto Storico Parri, la Mostra Libri fascisti per la scuola. Il testo unico di Stato (1929-1943) curata da Tullio De Mauro, Nicola Tranfaglia e Alberto Monticone, con l’ausilio di Aldo Zambelloni. La mostra resterà aperta fino al 29 gennaio. 

Sono previste visite guidate per le classi. 

Sei qui: ARCHIVIO NEWS News