Istituto Parri

Archivio - Contatti e informazioni

Dichiarazione sul referendum

L’Istituto per la storia e le memorie del Novecento PARRI E-R è associazione riconosciuta da legge e convenzioni regionali e dal Comune di Bologna. Ne fanno parte enti, istituzioni, amministrazioni pubbliche, le Università della regione, le istituzioni di cultura storica, singoli cittadini e studiosi.
L'interesse culturale e scientifico preminente è lo studio e la ricerca della storia contemporanea dalla fine della prima guerra mondiale.
Costituito nel 1963, come continuazione autonoma di un precedente ufficio comunale operante dal 1950, l’Istituto è parte della rete degli Istituti storici della Resistenza voluti da Ferruccio Parri con lo scopo di contribuire a trasformare quell’immenso patrimonio anche valoriale ed etico, che i protagonisti della lotta di liberazione e del processo di elaborazione della Costituzione ci hanno lasciato, in un impegno scientifico squisitamente storiografico, e che proprio per questo si è presto esteso all’intera storia del Novecento.
L’Istituto articola la propria attività nella Biblioteca e Archivio storico, nella Didattica, nel Multimediale, nella ricerca e nelle pubblicazioni, nonché in esposizioni e nella promozione culturale in campo storico. Cura il Museo della Resistenza di Bologna.

Il Parri è un Istituto storico, dunque un ente votato alla dimensione scientifica della storia, ed è un Istituto terzo, di tutti e per tutti i cittadini.
Dunque, come sempre in passato, non si schiera nella contesa politica nè prende posizione nell’attuale referendum costituzionale.

L’Istituto studia la stagione Costituente e mette a disposizione di tutti gli strumenti, innanzitutto bibliografici, perché ognuno possa informarsi e formarsi un’opinione, ma non può, non deve e non intende né suggerire posizioni né tantomeno assumerne.

Naturalmente, ognuno degli operatori e dei rappresentanti dell’Istituto Parri ha una propria opinione, che non ha mai condizionato il proprio operare professionale.

Tanto, nello spirito di quei Padri costituenti che si accingevano alla scrittura 70 anni fa.

Sei qui: ARCHIVIO NEWS News Dichiarazione sul referendum