Rwanda 1990-1994. Percezione e storia di un genocidio

Rwanda 1990-1994. Percezione e storia di un genocidio

7 dicembre, ore 16.30 - Sala Refettorio

Incontro di studio

Il processo con cui il Rwanda assimila le identità etniche censite negli anni Venti dalle autorità belghe è brutale, le violenze crescono fino allo scoppio della guerra civile nel 1990. Il punto estremo di radicalità viene raggiunto nei ‘cento giorni’ tra aprile e luglio del 1994, nei quali ha luogo un genocidio sistematico, frutto di una precisa azione politica mossa da estremisti hutu e diretta contro la componente tutsi, che porta al massacro di decine di migliaia di tutsi, hutu moderati, oppositori politici. Da questo specifico quadro di violenza strutturale post-coloniale si sviluppa una complessa questione di memoria e giustizia, internazionale e locale.

L’incontro si propone di offrire uno sguardo su più livelli sulle vicende storiche del Rwanda del XX secolo, per riflettere sulle dinamiche di un genocidio sistematico a quasi trent’anni dai fatti.

Interventi di:

Karin Pallaver (Università di Bologna)

Emanuela Fronza (Università di Bologna)

Honorine Mujyambere (Associazione Ibuka Italia)