Presentazione del libro di Mario Rinaldi, "La bottega di Aldo"

Bologna, giovedì 17 ottobre 2013, ore 20.30 - Istituto Parri, ex convento di San Mattia, via Sant'Isaia 20 (con accesso dal Museo della Resistenza)

Presentazione del romanzo di Mario Rinaldi, La bottega di Aldo (edizioni Diabasis)

L’autore, dopo Boogie Woogie (2004) ritrova la città di Neviano degli Arduini negli anni successivi alla Liberazione. I personaggi narrati sono dipinti nei loro tratti più realistici e l’ambientazione locale è occasione per riproporre, in proporzione e con efficacia, la condizione del Paese nel dopoguerra. Non ci si reca da Aldo solo per aggiustare barba e capelli. La sua bottega - il primo negozio aperto a Neviano dopo la Liberazione - è il nuovo luogo di incontro e dibattito. Lì si incrociano le piccole storie personali e le grandi vicende del Paese, amori, omicidi, grandi passioni, speranze. La ricerca storica dell’Autore s’innerva non solo sul piano dei fatti e dei personaggi, ma pone una cura filologica particolare sia nell’evocazione di un lessico di natura popolare sia nell’uso di termini oggi desueti. Le vicende sono descritte con la vividezza del testimone, la curiosità dello storico, la passione di chi ha speso la propria vita per il bene della Città.

Programma:

Saluto  del presidente di Diabasis, Mauro Massa

Interventi di Maurizio Landini (segretario generale Fiom), Valerio varesi (scrittore e giornalista), Luca Alessandrini (direttore Istituto Parri. Conduce Laura Briozzo (presidente del Centro culturale Tenemos)

Ingresso libero.


14 ottobre: presentazione del libro LE STRAGI NAZIFASCISTE DEL 1943-1945. MEMORIA RESPONSABILITA’ E RIPARAZIONE

Lunedì 14 ottobre 2013, ore 18, Librerie Coop Ambasciatori, via Orefici 19 Bologna

 Bologna.Toni Rovatti, collaboratrice dell'Istituto Parri e dell'Istoreco, partecipa alla presentazione del libro LE STRAGI NAZIFASCISTE DEL 1943-1945. MEMORIA RESPONSABILITA’ E RIPARAZIONE  (Carocci) a cura dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (ANPI).  Interviene Carlo  Smuraglia e coordina Mauro Maggiorani.
Le vittime delle stragi nazifasciste contro le popolazioni civili italiane sono state stimate in un numero non inferiore a 15.000, senza contare gli effetti devastanti sull'intera vita di alcune località, come Marzabotto, Sant'Anna di Stazzema ed altre, dove la distruzione degli stessi ambienti vitali è stata pressoché totale. A fronte di questa tragedia, sono stati celebrati non molti processi e con considerevole ritardo. Le sentenze emesse non sono state mai eseguite, né per gli aspetti penali né per quelli civilistici. Nel volume l'ANPI raccoglie le riflessioni aggiornate di alcuni tra i migliori esperti della materia.


Mostra "Omaggio a Verdi" di Casagallery (2-10 ottobre 2013)

CASAGALLERY Itinerante, Associazione Culturale, “site specific” per giovani artisti, curata da Barbara Ceciliato e Claudio Rosi, progetta e realizza, dal 2007, esposizioni condivise in spazi pubblici e privati.  Per la 9a giornata del contemporaneo 2013, propone la visita alla mostra “OMAGGIO a VERDI”, allestita negli spazi espositivi dell’ Istituto Parri – Museo della Resistenza di Bologna, ex Convento S.Mattia - Sala Refettorio, via S.Isaia, n. 20 a Bologna.
Nel Bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi, a giovani artisti è stato chiesto di presentare progetti che, all’interno della propria personale poetica, contenessero “un tributo” al grande compositore, ma anche pensati e realizzati considerando l’importanza storica dello spazio quattrocentesco che li ospita. Attraverso l’uso dei vari linguaggi artistici contemporanei, sono state realizzate opere che alludono, e a volte identificano, variegate motivazioni verdiane. I partecipanti all’evento sono nove giovani artisti provenienti da studi presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna, di cui alcuni conosciuti con un curriculum di livello nazionale:
Roberta Cavallari e Lucia Anselmi, presentano la video-performance “Ti abbraccio, non aver paura”, girata a Milano;
Federica Barbieri propone alcune elaborazioni fotografiche;
Gianluca Ferrari mette in mostra una proiezione-video con riprese interne;
Giulia Giannerini  espone elaborazioni fotografiche e video;
Monica Lasagni propone una sequenza di sculture di gesso;
Serena Piccinini realizza un’installazione di piccole sculture di carta in contenitori;
Alessia Lusardi e Rosetta Termenini, si esibiscono con la performance: “ATTO V”, che verrà fatta, negli spazi del  Museo, con il contributo musicale del maestro Pio Amore, alla Vernice e sabato 5 ottobre 2013.

Vernice dell’esposizione “OMAGGIO a VERDI”: mercoledi 2 ottobre 2013 dalle ore 18.
Performance “ATTO V” – Ore 20

Periodo espositivo: dal 2 al 10 ottobre 2013
Orario d’apertura feriali: 16 – 19


Sabato 5 ottobre 2013 - 9° Giornata del Contemporaneo, organizzata da AMACI.
Orario d’apertura: 17,30 – 21,30
Performance “ATTO V” – Ore 20


Il 2 agosto 1980 visto dagli studenti di oggi

Il 2 agosto 1980 visto dagli studenti di oggi


LUNEDÌ 29 LUGLIO 2013
ore 15
Sala Tassinari
(ex Tribuni della plebe)
Cortile d'onore di palazzo d'Accursio- Piazza Maggiore, Bologna

Proiezione pubblica di alcuni video e documentari realizzati, nel corso degli ultimi due anni scolastici, da studenti emiliano-romagnoli che hanno partecipato a progetti formativi dedicati alla conoscenza e alla memoria della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980.

Saranno presentati i lavori vincitori del concorso "E tu come faresti?" promosso dall'Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna e dall'Associazione tra i familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980, con il Patrocinio dell'Ufficio Scolastico Regionale per l'Emilia-Romagna. Il concorso ha riscosso l'apprezzamento della Presidenza della Repubblica che ha conferito ai vincitori una medaglia.

"IO NON C'ERO, IO NON DIMENTICO", classi 3C e 3E della scuola secondaria di I grado "D. Alighieri" di Nonantola (Mo) e "L'OROLOGIO" Classe 5^I del Liceo Scientifico Tecnologico Galileo Galilei di Mirandola (Mo),

A seguire verranno proiettati i prodotti dei progetti educativi che si sono aggiudicati il concorso nazionale "Le buone pratiche: storia e memorie a scuola", bandito dalla Rete degli archivi per non dimenticare insieme ai Ministeri dell'Istruzione e dei Beni e delle Attività Culturali e premiati nell'ambito delle celebrazioni del Giorno della memoria delle Vittime del terrorismo e delle stragi dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

"PIANTIAMOLAMEMORIA" 2012, Scuola media di Marzabotto e "PER NON DIMENTICARE", 5^A Scuola primaria di Rastignano.

Infine, verrà infine proiettato il documentario autoprodotto "2 AGOSTO 1980: TU CHE NE SAI?" realizzato da studenti della 4^B Itis O. Belluzzi di Bologna

Oltre a studentesse e studenti autori dei video, interverranno:
Rappresentanti dell'Associazione 2 agosto 1980
Riccardo Lenzi - Associazione Piantiamolamemoria
Cinzia Venturoli - Rete degli archivi per non dimenticare- Istituto per la storia e le memorie del 900 Parri Emilia-Romagna


10 giugno 2013 - Presentazione di "I ragazzi dell'esilio. Argentina 1975-1984"

Lunedì 10 giugno 2013, alle ore 17.30, presso la libreria dei Colli in via Castiglione 21 a Bologna, si terrà l'incontro con Vera Vigevani Jarach dell'Associazione delle Madres de Plaza de Mayo - Linea Fundadora per la presentazione del libro scritto con Diana Guelar e Beatriz Ruiz, I ragazzi dell'esilio. Argentina (1975-1984).

Presenta Cinzia Venturoli (Cedost) e intervengono Maria Teresa Sega (Istituto Veneziano per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea) e Patrizia Dughero (Qudu libri).


20 maggio 2013 - Presentazione de "La mafia come metodo" di Nicola Tranfaglia

     

 

 

 
Lunedì 20 maggio ore 17.00, presso l’Aula Refettorio
in via Sant’Isaia n. 20, presentazione del libro di
 
Nicola Tranfaglia
LA MAFIA COME METODO
(Milano, Mondadori, 2012)
 
Ne discutono con l’autore:
 
Stefania Pellegrini
Ettore Borghesan
 
Modera l’incontro Andrea Marchi, Presidente di Isrebo

17 maggio 2013, h. 17 - Europa e media: la storia sul web

 

Presentazione del rapporto di ricerca su Italia, Francia, Gran Bretagna, Slovenia, Ungheria, Spagna

 

Venerdì 17 maggio 2013, h. 17

c/o Istituto Parri, Sala ex-Refettorio, via Sant'Isaia, 20

 

intervengono:

Thomas Casadei, Consigliere Assemblea Legislativa ER

Luisa Cigognetti, Istituto Storico Parri Emilia-Romagna

Pierre Sorlin, storico e critico cinematografico, Università Paris - Sorbonne Nouvelle

 

Che rappresentazione della storia viene diffusa dai media all'interno dei paesi dell'Unione Europea? Come viene narrata e condivisa? Oggi gli utenti del web contribuiscono in modo rilevante a una riscrittura del passato.

L'obiettivo di questa indagine è ricostruire le visioni e i modelli storici espressi dal basso, il rapporto fra storia e memoria, i modelli di cittadinanza, l'uso pubblico della storia.

Attraverso una panoramica della situazione in sei paesi dell'Unione Europea proviamo a iniziare a costruire uno scenario. Quello che presentiamo è il primo rapporto della ricerca che avrà durata triennale e prenderà in esame altri otto paesi dell'Unione Europea. LA ricerca è promossa dall'Assemblea Legislativa ER, il Centro Europe Direct e l'Istituto storico Parri Emilia-Romagna


17 maggio 2013, h. 9.30 - La città immaginata

Un progetto di

   

in collaborazione con

 

Dalla progettazione politica allo sguardo privato

 

Venerdì 17 maggio 2013

h. 9.30-13.00

Istituto storico Parri, sala ex-refettorio

via Sant'Isaia, 20, Bologna

 

Presentazione del Progetto:

Alberto De Bernardi, Presidente Istituto storico Parri Emilia-Romagna

"Bologna e l'Emilia Rossa. L'Emilia-Romagna nella seconda metà del '900"

 

Paola Bonora, Università di Bologna

"Il sogno infranto: dalla diversità alla rinuncia al progetto"

 

Pierre Sorlin, Università di Paris Sorbonne Nouvelle

Paolo Simoni e Ilaria Ferretti, Home Movies - Archivio nazionale del film di famiglia, Università degli studi di Modena e Reggio Emilia

"Immaginare lo spazio pubblico: la città nel cinema amatoriale, i casi di Bologna e Reggio Emilia"

 

Introduce e coordina:

Luisa Cigognetti, Istituto storico Parri

 

Intervengono:

Roberto Parisini, Università di Bologna

"Bologna e le trasformazioni urbane negli anni del boom economico"

 

Walter Vitali, Laboratorio Urbano - Bologna

"La vita dei progetti: itinerari bolognesi nella città moderna"

 

Il seminario si inserisce all'interno del programma:

BOLOGNA E L'EMILIA ROSSA, Economia, politica, immaginario e cultura tra guerra fredda e fine di un sogno in Emilia-Romagna

 


8 maggio 2013 - Presentazione de "La vetrina infranta" di Luca Pastore

 

Durante la stagione degli anni di piombo e del terrorismo, Bologna ha vissuto pagine dolorose. Alcune molto note, come la strage alla stazione e l’uccisione di Francesco Lorusso, altre quasi completamente dimenticate, ma fondamentali per comprendere quella fase della nostra storia. La vetrina infranta ricostruisce gli episodi di violenza politica in città negli anni che vanno dal 1974 ai primi anni ‘80, dall'omicidio del brigadiere Lombardini allo scioglimento di Prima linea (annunciato in un tribunale bolognese dai terroristi detenuti), passando per gli scontri di piazza, gli attentati intimidatori, l'uccisione di Lorusso, l'agguato ad Antonio Mazzotti e la morte di Graziella Fava. La ricerca, arricchita da una dettagliata cronologia degli avvenimenti e dalle interviste ad alcuni protagonisti, nasce per ricordare quest'ultima, uccisa dalle conseguenze di un attentato incendiario contro la sede dell'Associazione stampa nel 1979.

 

Presentazione del volume

La vetrina infranta

di Luca Pastore

Ed. Pendragon, 2013

 

mercoledi 8 maggio 2013, h. 18.30

c/o Libreria Modo Info Shop

via Mascarella, 24 - Bologna

 


6-11 maggio 2013 - Mostriamo la storia, @Museo della Resistenza

Una mostra dei lavori di storia delle scuole primarie della provincia di Bologna

 

La storia che si apprende nella scuola primaria presenta mille risvolti. Dalle esperienze sulla percezione del tempo e sulle storie personali alle descrizioni delle grandi società antiche, dal passato del proprio territorio ai dinosauri, dal paleolitico alla lotta partigiana contro il fascismo. Tutto può diventare oggetto di riflessione storica e nelle scuole le esperienze didattiche delle maestre confermano questa ricchezza di stimoli e di percorsi.

Quest'anno un campione significativo di questa richezza prodotta dalle scuole bolognesi ha modo di esprimersi fuori dalle pareti delle rispettive classi e si offre alla cittadinanza.

 

Nella settimana dal 6 all'11 maggio oltre venti classi allestiscono parte dei loro lavori didattici negli spazi del Museo della Resistenza, in via Sant'Isaia, 20 a Bologna.

La mostra è visitabile negli orari di apertura del Museo: da lunedì a venerdì dalle 15.30 alle 18.30, sabato dalle 10 alle 13.

 

La giornata finale di sabato 11 maggio, dalle 10 alle 13, con rinfresco e laboratori di scrittura, sarà dedicata a una semplice, simbolica premiazione di tutte le classi che hanno partecipato.

 

per info: Landis, Laboratorio Nazionale per la Didattica della Storia, landis.bologna@gmail.com - 051333217 - via Sant'Isaia, 18 - Bologna